Logo new 02

faroccoli.gifSAN MAURO PASCOLI - Ritorna la Fiera dei Faroccoli nelle principali vie e piazze del centro storico. L'appuntamento è per  sabato 19 e domenica 20 aprile con la terza edizione del veglione che ha segnato intere generazioni di ragazze e ragazzi di San Mauro. Si parte sabato alle 16,00 nelle vie del centro con l'esibizione dei pasquaroli dell’Associazione Culturale Romagna col Cuore di Gambettola insieme a Casadei Sonora. Alle 17,00 in piazza Mazzini dimostrazione di karate del gruppo sportivo Boudokan. Alle 18,30 (piazza Mazzini) “Le faroccoline e la danza” performance a cura dei centri per la danza Athiké di Savignano e Gruppo danza di Forlimpopoli. In serata (ore 21,00, piazza Mazzini), “E vigliòun di faróqual” ballo dei faroccoli di una volta con l'orchestra Castellina Pasi.

Domenica 20 aprile alle 15,30 nelle vie del centro, musica del gruppo I met da Sgun, alle 16,00  esibizione dei Pasquaroli da parte dell’Associazione Culturale Romagna col Cuore di Gambettola, in collaborazione con Casadei Sonora. Alle 17,00 (piazza Mazzini) spettacolo per i più piccoli con “Le farse di fagiolino”. Alla stessa ora in piazza Don Luigi sarà inaugurato un pannello storico donato da Italia Nostra, sezione di San Mauro Pascoli, dedicato all'antico campanile. Saranno presenti, Gianfranco Miro Gori, Sindaco di San Mauro Pascoli, Marina Foschi, Presidente Regionale di Italia Nostra, Cristina Savani, Presidente di Italia Nostra sez. San Mauro Pascoli. A seguire la presentazione del libro “Don Luigi Reggiani” a cura della parrocchia di San Mauro Vescovo, con interventi di Don Sanzio Monaldini, Parroco di San Mauro Pascoli e di Stefano Bellavista, seminarista. Chiusura in grande stile alle 21,00 (in piazza Mazzini) con il concerto di musiche etniche romagnole del gruppo Quinzan e l'intrattenimento di Sgabanaza.

Durante la due giorni viaggio nei sapori e nelle tradizioni di Romagna con i produttori agricoli, gli artigiani e la gastronomia con la presenza del Copaf, Consorzio di tutela e valorizzazione della “ Mora romagnola”, e dei produttori di Brisighella e del faentino con un loro spazio dedicato ai “Mangiari di Romagna”.

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna