Logo new 02

Sciutto RiccardoLo stabilimento Sergio Rossi di San Mauro? Strategico, tanto che investiremo ancora. A dirlo è Riccardo Sciutto (nella foto) da cinque mesi alla guida all’azienda di San Mauro Pascoli, un anno fa rilevata dal fondo Investindustrial di Andrea Bonomi. In una lunga intervista su Milano Finanza per la prima volta svela le strategie imprenditoriali del marchio sammaurese nei mesi a venire. Ambizioso l’obiettivo: raddoppiare il fatturato aziendale in cinque anni, passando dagli attuali 70 milioni di euro a 140.

“In quest’ottica, abbiamo puntato sui nostri asset come l’azienda di San Mauro Pascoli – spiega l’Ad - che ha una capacità produttiva di 1.600 scarpe al giorno, sul cui sviluppo destineremo almeno il 10% dell’investimento previsto. Possiamo dire che il 2016 sia l’anno dell’analisi, dal 2017 metteremo in atto forti cambiamenti per poi raggiungere gli obiettivi tra il 2018 e il 2020”.

Attualmente Sergio Rossi ha 50 negozi diretti e 15 in franchising. “Puntiamo a raddoppiare i risultati nel giro di cinque anni mettendo mano al prodotto, all’immagine e alla distribuzione e soprattutto puntando sulla donna: al momento, la collezione maschile è congelata fino a data da destinarsi. A livello retail stiamo valutando l’efficacia delle posizioni e non escludiamo di chiudere/spostare alcune insegne in location migliori. Nel 2017 vogliamo anche rinnovare il concept delle boutique perché sia più vicino all’immagine che vogliamo comunicare che non è una femme fatale a senso unico come ci hanno voluto far credere fino ad oggi”.

Riguardo l’estero che rappresenta un segmento fondamentale. “Crediamo nell’Europa dove vogliamo avere una presenza più profonda completando le nostre posizioni anche all’interno del segmento di vendita all’ingrosso. In Asia, il Giappone continua a darci grandi risultati e vogliamo continuare così magari razionalizzando la distribuzione e migliorando l’offerta mentre Cina, Hong Kong e Corea sono mercati sempre interessanti per cui stiamo valutando tutti gli scenari possibili. In Usa invece dobbiamo aumentare la nostra presenza a partire dai department store che hanno già dimostrato grande interesse per questo nuovo corso. Non solo, dal 2017 avremo un nuovo web site che stiamo disegnando ora che oltre a fare storytelling avrà una piattaforma e-commerce importante”. 

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna