Logo new 02

GimmiBaldininiGimmi Baldinini vuole acquistare la maggioranza della società che gestisce l’aeroporto Fellini di Rimini. Lo ha rivelato lui stesso a Il Resto del Carlino, parlando apertamente di investimenti pesanti: “Non mi interessa entrare con una piccola quota, aspiro a diventare uno dei soci di riferimento”. Lo scalo riminese non naviga in buone acque, anzi pare annegare pesantemente nei debiti (47 milioni di euro la cifra dei rumor), gravati dal rifiuto del tribunale di Rimini ci concedere il concordato ad Aeradria, società che gestisce il Fellini. Di qui l’interessamento dell’imprenditore che non vuole vedersi chiudere uno scalo vitale per lo shopping del mercato russo in Romagna, tanto più dopo la recente chiusura del vicino aeroporto di Forlì. Non esiste tour organizzato, infatti, che non faccia tappa nel calzaturificio sammaurese in un mercato che pare non sentire i morsi della crisi.
Sui tempi e le modalità dell’investimento, Baldinini è più cauto: “E' evidente che prima bisogna attendere di capire come si evolvono le cose, che prospettive ci sono. Ma io l'ho già detto a chi di dovere, che sono disponibile a entrare e a investire pesantemente nell'aeroporto. Non mi accontento di una piccola percentuale: se apro il portafoglio, è per diventare l'azionista di maggioranza della società”.

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna