Logo new 02

Alessandri_RobertaContro la concorrenza sleale, ma anche contro le grandi griffe che delocalizzano. È forte il richiamo della sammaurese Roberta Alessandri (nella foto la seconda da sx), presidente Cna di Federmoda, che nell’ultimo numero del giornale dell’associazione (Io L’Impresa Cna) non una mezzi termini contro chi si rivolge ad aziende che non rispettano regole etiche. “Le scarpe prodotte nei laboratori cinesi fuori da ogni regola hanno, sovente, come committenti noti marchi industriali dei nostri territori”, scrive.


 

E aggiunge: “Credo che la situazione economica di grande difficoltà che investe anche il Basso Rubicone sia conseguente non solo alla crisi mondiale, ma pure ad una politica delle grandi griffe, volte ad ottenere un grosso risparmio, con una forte delocalizzazione, con sempre minori garanzie di qualità e sottovalutando il valore della filiera produttiva del territorio”. Sul distretto: “Un dato è certo: il distretto calzaturiero del Rubicone è gravemente malato, e le aziende sono costrette a enormi sacrifici per sopravvivere e per mantenere la propria dignità etico sociale. Di fronte a questo stato di cose il nostro auspicio, e quello di tabti altri imprenditori, è che ci sia la volontà collettiva e la responsabilità comune di sostenere con coerenza un accordo di filiera per garantire la trasparenza e la tenuta delle imprese eccellenti del territorio”.

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna