Logo new 02

battaglini.jpgSAN MAURO PASCOLI - Quest’anno ricorrono i 290 anni della morte di uno dei cittadini più illustri di San Mauro: Marco Battista Battaglini (1645-1717). Il Comune di San Mauro e la Parrocchia hanno deciso di dedicargli una serata in programma venerdì 28 settembre alle 21,00 presso la sala Gramsci, alla presenza di importanti storici. Con la presenza anche di una mostra in suo onore.

Chi era Marco Battaglini.

Nasce a San Mauro, in quegli anni di Romagna, il 25 marzo 1645 da Andrea e da Maddalena Sartoni. Compiuti i primi studi sotto la guida dello zio Cristoforo Battaglini, nel 1660 si reca a Cesena per studiare diritto e teologia. Divenuto dottore e ordinato sacerdote nel 1665, l’anno dopo si reca a Roma per esercitare la professione forense. Nel 1668 ottiene la giudicatura civile di Ancona col titolo di luogotenente, successivamente si trasferisce a Cento, Comacchio, Assisi e Terni ove rimane fino al 1684. In questo periodo pubblica un commento in undici capitoli con dissertazioni morali sulla lettera ciceroniana che fa largo ricorso alle sentenze di Seneca e Tacito, poi “Il leghista filosofo” dove espone i principi generali del diritto e i rapporti di questo con la morale.

Nel 1685, trasferito a Fabriano, viene nominato domestico di Innocenzo XI. Risale a questo periodo l’opera più importante e celebre di Battaglini: la “Storia universale di tutti i concili generali e particolari celebrati nella Chiesa” (1686), di cui si fece una seconda edizione accresciuta (1689). Si tratta della prima opere completa sui concili scritta in italiano, che ha avuto poi anche altre tre edizioni (1696, 1704, 1714).

Nel 1690, dopo avere rifiutato le sedi di Nocera Inferiore e di Ragusa, Battaglini viene nominato vescovo di Nocera Umbra. Appena entrato in possesso della carica, si preoccupò di sollevare quelle popolazioni prostrate da una lunga carestia, senza tralasciare le cure del ministero e gli studi storici a lui tanto cari. In questo periodo scrive gli “Annali del sacerdozio e dell’Impero intorno all’intero secolo XVII e di nostra salute”, un’opera di 4 volumi.

Nel 1716 viene nominato vescovo di Cesena. Muore a San Mauro il 19 settembre 1717.

Il convegno.

Venerdì 28 settembre alle 21,00 alla sala Gramsci a San Mauro ci sarà una serata di riflessione su Battaglini. Interverranno il sindaco Gianfranco Miro Gori, il parroco Don Sanzio Monaldini, e gli storici Angelo Turchini che parlerà di “Marco Battista Battaglini, un vescovo sconosciuto” e Maurizio Tagliaferri su “Il Concilio Vaticano II in Emilia-Romagna tra storiografie e vita”.

Nel corso della serata, sempre nella sala Gramsci, sarà allestita una mostra di oggetti curata dal sammaurese Giorgio Zicchetti, che vedrà la presenza dei libri di Battaglini, del calice di quando diventò Vescovo, con anche la storia del personaggio.

Da ricordare infine che anche il Gruppo Filatelico Culturale Avis di San Mauro, con il patrocinio del Comune di San Mauro, ha deciso di ricordare la figura di Battaglini dedicandogli la XXI° Mostra Filatelica in programma nella sala Gramsci nei giorni della fiera di San Crispino.

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna