Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Miglio Casadei RossiCaro sindaco di Rimini ridacci il Miglio”. Il tono è meno diretto e molto più diplomatico, la sostanza non cambia. A scriverlo sono i tre mitici sammauresi (Giuseppe Casadei, Mauro Rossi e Giorgio Zicchetti) in una lettera aperta indirizzata a Andrea Gnassi, primo cittadino di Rimini, ed anche al sindaco di San Mauro. La loro è una battaglia di lungo periodo, tornata d’attualità dopo avere letto il programma d’inaugurazione dei lavori alla Torre a San Mauro. In quell’occasione ci sarà anche Gnassi, in qualità di presidente di Destinazione Romagna, e quale migliore occasione per prendere la palla al balzo e fare una richiesta ufficiale di restituzione.

Il Miglio in questione è un “cippo miliare, alto 2,80 metri (0,90 la base + 1,90 il fusto), la superficie non è levigata e a parte le prime righe è molto consunto – scrivono i tre sammauresi - È comunque ben leggibile il nome dell'imperatore Augusto "IM[ERATORI] CAESAR AVGVSTVS". Attualmente si trova nel museo di Rimini, ma fu ritrovato “alla fine di gennaio 1949 nel Comune di San Mauro Pascoli nella tenuta Gerini (già di proprietà dei Principi Torlonia) nel podere Poggio a circa 200 metri a nord/ovest dal ponte Romano di San Vito. Un sopralluogo accertò che si trattava di una colonna miliare di pietra calcarea bianco-giallastra di enormi dimensioni di forma tronco-conica con zoccolo quadrato”.

Ecco perché andò a Rimini. “Considerate le difficoltà finanziarie dell'allora Amministrazione Comunale di San Mauro Pascoli duramente colpita dalla guerra, lo scavo e la rimozione furono effettuati dal Comune di Rimini che con delibera del 22 settembre 1949 stanziava i fondi necessari oltre che per il recupero dei Miglio anche per la sua collocazione nel Museo Archeologico di Rimini. Il dissotterramento e il trasporto del Miglio furono effettuati tra il giorno 11 e 14 luglio 1950”.

Oggi però le condizioni sono cambiate. “Oggi San Mauro Pascoli è una bella cittadina con circa12mila abitanti fieri e orgogliosi del proprio lavoro, del proprio passato e del proprio futuro. Ringraziamo il Comune di Rimini e lei sindaco Andrea Gnassi per aver ben custodito il nostro Miglio. Riteniamo sia giunto il momento che il Miglio torni a casa".

In caso di ritorno i tre non spiegano dove sarà collocato. “Il Miglio sarà collocato in un luogo caro ai sammauresi e farà bella mostra nella nostra cittadina. Speriamo e auspichiamo che gli ottimi rapporti che hanno da sempre caratterizzato le relazioni tra i Comuni di San Mauro Pascoli e Rimini e anche tra i due primi cittadini possa essere di aiuto per dare una risposta positiva a questa richiesta”.

Pin It

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna