Logo new 02

torre dallaltoSi chiama “Città del teatro” la scommessa della Torre pascoliana. Si trova nell’ala sud-est e consta di una sala per esibizioni e spettacoli con 250 sedute, palco, camerini per gli attori, rampa di salita anche per i portatori di handicap, oggi grosso cruccio del complesso, off limitis nel piano superiore per i disabili. Insomma, il teatro tanto auspicato troverà sede a Villa Torlonia, in una sorta di doppia proposta: arena all’aperto già presente in estate, spazio al chiuso nel primo piano. L’intervento è il tassello di un progetto di ampio respiro della Torre che contempla un investimento di 1 milione 400 mila euro da finanziarsi attraverso un bando europeo gestito dalla Regione Emilia Romagna. I lavori interesseranno anche le Cantine, la sala delle Tinaie e il recupero della sala delle Tabacchine.

Il progetto è stato presentato domenica scorsa alla Torre alla presenza dell’Assessore regionale Andrea Corsini, occasione per presentare anche un’altra iniziativa: il “Parco poesia Pascoli”. Si tratta di un progetto multimediale che vede il posizionamento di schermi touch screen in alcuni punti strategici della Villa che raccontano la storia della Torre, del poeta, la Romagna dell’epoca, la botanica, l’omicidio di Ruggero in una narrazione esperienziale sul poeta. 

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna