Logo new 02

PolliniPiù che una doccia fredda, gelata. Nessun colpevole infatti per la spettacolare rapina avvenuta nel 1999 ai danni del calzaturificio Pollini a Gatteo. Dopo 13 anni di indagini e il rinvio al giudizio di tre imputati, si è arrivati alla prescrizione del reato in quanto il tribunale del riesame di Bologna ha chiesto la diversa configurazione del reato, passato da rapina a ricettazione.
Era il 4 febbraio del 1999 quando una banda specializzata, formata da una quindicina di componenti, fece irruzione nello stabilimento poco dopo la chiusura dell’azienda. Tutti i dipendenti furono bloccati e immobilizzati con nastro adesivo, poi con due camion la banda ripulì l’azienda portando via intere collezioni di calzature e capi d’abbigliamento pronti per essere spediti nei negozi di tutto il mondo. Alcuni giorni dopo un agente delle forze dell’ordine, nei pressi dell'aeroporto di Linate a Milano, individuò un camion rubato che si dirigeva verso un capannone in disuso. All'interno furono trovati i due camion con tutta la merce rubata e i passamontagna usati dai banditi. Grazie a questo ritrovamento Pollini riuscì a salvare la stagione, consegnando la merce ordinata in varie parti del mondo. Nel blitz i carabinieri bloccarono e arrestarono tre persone, tutte residenti in provincia di Napoli. Parte della accuse (detenzione di armi e sequastro di persona) era caduta davanti al Gip, il resto è finito ieri in prescrizione con il passaggio del reato.

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna