Logo new 02

Pubblichiamo l’intervento del consigliere Pdl, Luca Lucarelli, sulla variante 16 che contempla alcuni interventi urbanistici tra cui il teatro.

lucarelliSull'ultima variante al Piano Regolatore, la numero 16, che l'amministrazione Gori ha portato in consiglio comunale il nostro gruppo del Pdl ha votato contro; un voto contrario che abbiamo espresso perchè al suo interno la variante, anche se riporta alcune previsioni condivisibili, contiene due dei progetti che abbiamo contrastato e criticato fortemente in questa legislatura. Se infatti ci troviamo concordi su alcune lottizzazioni di qualità come quella di Via Firenze, e su alcune importanti progettazioni, vedi l'annosa soluzione legata all'ex Geo, ci troviamo invece in completo disaccordo sulla lottizzazione della zona Bastia, per intenderci quella del fantomatico Teatro e su quella della zona Rio Salto.

Infatti sulla prima lottizzazione non siamo concordi né sulla costruzione del teatro, né tanto meno sul fatto che in quella zona potranno sorgere palazzine, con destinazione pubblica, alte fino a 15,50 metri. Secondo noi queste previsioni non faranno altro che creare delle strutture talmente impattanti sul territorio con il rischio che rimangano cattedrali nel deserto. Ricordiamo che il Comune in questo caso chiede al privato oltre 4 milioni e 300 mila euro di opere pubbliche (3 milioni e 200 mila per il teatro, 845 mila euro per il ponte ciclopedonale sulla via Provinciale, 32 mila euro per la pista ciclabile e 225 mila euro per la riqualificazione della Via Casone); una quantità tale di opere che ovviamente il privato deve recuperare chiedendo una maggiore capacità edificatoria come nel caso della maggiore altezza del centro misto residenziale e servizi che sorgerà vicino al teatro. E pensare che con il costo del teatro (3milioni di euro) si sarebbe potuta realizzare una nuova scuola elementare antisismica per tutte le classi di San Mauro Pascoli e non un plesso per sole due sezioni come è invece intenzione dell'Amministrazione Comunale di centro sinistra e del Sindaco Gori.
Per quanto riguarda invece la seconda lottizzazione la variante ha inserito quelle modifica relativa alla piscina fantasma, che doveva sorgere in zona Rio Salto, vicino al centro sportivo E Re, sostituita invece con un campo in sintetico da calcio a 7. Una decisione questa sulla quale abbiamo sollevato molti dubbi sia per quanto riguarda i costi relativi alle opere, campo in sintetico e struttura adibita a spogliatoi, sia per quanto riguarda la sua realizzazione visto che la precedente convenzione era scaduta da oltre 3 anni con l'amministrazione rimasta incomprensibilmente immobile per tutto questo tempo. Ora verificheremo se questa convenzione sarà concretizzata con la realizzazione del campo in sintetico oppure se anche questo diventerà un “campo fantasma” come lo è diventata la piscina.
Per quanto riguarda l'ex Geo finalmente l'amministrazione comunale ha recepito le nostre richieste. Infatti è da tempo che chiediamo che la struttura dell'ex Geo venga abbattuta perchè fatiscente e un bruttissimo biglietto da visita posto proprio all'ingresso della nostra San Mauro Mare. Infatti la previsione inserita in variante prevede che il privato, una volta adottato il piano, dovrà abbattere la struttura in attesa di realizzare gli appartamenti e il commerciale. Meglio tardi che mai! Ma anche in questo caso si sono persi anni.
Per il Gruppo PDL Consiglio Comunale: Luca Lucarelli

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna