Logo new 02

amiantoUna discarica a cielo aperto “ricca” di amianto alle porte di San Mauro. È stata rinvenuta e posta sotto sequestro dalla Stazione Navale della Guardia di Finanza di Rimini, su un’area privata di 32mila metri quadrati tra San Mauro Mare (zona Cagnona) e Bellaria. Un tempo destinata a uso agricolo, oggi discarica abusiva, i finanzieri hanno censito ben otto tonnellate di amianto-cemento sparse sul terreno e altri 13.000 metri quadri di copertura di eternit in grave stato di abbandono. Il sequestro è stato convalidato dalla procura di Forlì e il proprietario dell'area denunciato per una serie di reati, tra cui le violazioni ambientali e l'inottemperanza all'ordinanza del sindaco per la bonifica dell'area. Il 26 giugno scorso, il servizio sanitario Regionale aveva individuato la presenza di eternit e aveva richiesto l'interdizione dell'area, mentre il 3 settembre scorso il Comune aveva disposto con una ordinanza la bonifica dell'area, indicando anche i vari metodi possibili (incapsulamento, confinamento o rimozione). Tutto inutile. E così è arrivato il sequestro con relativa denuncia del proprietario per una serie di violazioni. 

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna