Logo new 02

municipio con fontanaApprovate in consiglio comunale, nella seduta di lunedì 24 settembre, due importanti delibere nell'ambito della programmazione territoriale e in quello della salvaguardia ambientale. “Sono provvedimenti che guardano al futuro”, ha commentato il sindaco Miro Gori “perché il futuro dell'azione delle amministrazioni è in ambito ambientale. Così come in quello della cultura: settori che sono in grado di dare lavoro e di creare risorse, soprattutto in un paese come il nostro”.

 

Prima di tutto l'approvazione di quello che può essere considerato un passo storico: il trasferimento all'Unione dei Comuni dei servizi di urbanistica e di edilizia. “Un passaggio davvero importante” ha dichiarato l'assessore Moris Guidi “che porterà a una gestione unitaria della programmazione territoriale dei tre comuni. Un percorso che già era cominciato con la costituzione di un ufficio di piano e che vedrà la realizzazione di un ufficio tecnico vero e proprio in capo all'Unione con sede a Savignano, mantenendo sportelli comunali per le esigenze dei cittadini”.

Segnale altrettanto importante, in materia di tutela ambientale, la manifestazione di interesse ad aderire al Patto dei Sindaci (Covenant of Majors): “un vero e proprio patto tra gentiluomini” lo ha definito l'assessore Manuel Buda, “un patto diretto tra l'Unione Europea e i sindaci delle città europee, senza intermediari, che si impegnano a perseguire gli obiettivi di riduzione delle emissioni e dei gas serra del 20% e di aumentare le fonti di energia rinnovabili del 20%, tutto entro il 2020, come previsto appunto nella strategia europea “20-20-20””. Il patto prevede “la stesura di un piano regolatore per l'energia, il Paes, ma non è assolutamente vincolante e si basa sull'adesione volontaria dei sindaci”. La Regione Emilia Romagna comunque eroga fondi in materia ambientale solo a quei Comuni che manifestano l'adesione al Patto dei Sindaci, mentre la provincia entrerà in campo a livello di coordinamento fra i Comuni. “In quanto Comune Emas non potevamo non proseguire il nostro impegno nella salvaguardia dell'ambiente e quindi abbiamo deciso di impegnarci anche su questo fronte”, ha concluso l'assessore.

Durante il consiglio è stata approvata anche la delibera sui provvedimenti di salvaguardia degli equilibri di bilancio di previsione e quella sulla proposta di fusione di Hera con la società Acegas APS.

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna