Logo new 02

PDLPer la terza volta è approdato in consiglio comunale l'accordo di programma per la realizzazione su un'area compresa tra la Strada Provinciale, Via Casone e Via Bastia di un nuovo quartiere residenziale. I metri quadrati su cui costruire sono 32.000 mq e i privati attuatori dell'accordo realizzeranno circa 250 appartamenti insieme a servizi, uffici e al "famigerato" teatro.

Il nostro gruppo del PDL, formato dallo scorso consiglio comunale esclusivamente da Gilberto Montemaggi, Luca Lucarelli e Lorenzo Rinaldi, ha votato contro a tale accordo di programma. Il nostro voto contrario non è un voto contro a prescindere ma è stato motivato; infatti se riteniamo che si siano fatti passi in avanti per quanto riguarda la qualità delle abitazioni che saranno realizzate, per il fatto che i privati destineranno 400 mila euro alla realizzazione del nuovo plesso scolastico di Villagrappa, che realizzeranno anche una nuova pista ciclabile, che potenzieranno Via Casone, che realizzeranno nuove strutture sportive e ricreative per il Centro Giovani Parrocchiale e un sovrappasso sulla Provinciale, anche se con dei distinguo, non ci troviamo affatto concordi con la realizzazione del Teatro Per il sindaco Gori e per questa amministrazione la realizzazione del Teatro da 500 posti sarà il fiore all'occhiello della loro azione politica. Ma per noi quest'opera che costerà qualche milione di euro non è indispensabile per il nostro territorio. Questi soldi potevano essere chiesti ai privati per realizzare qualcosa di più utile per la nostra comunità. Ad esempio contribuire per intero alla realizzazione della nuova scuola elementare sgravando cosi il Comune dall'utilizzo di risorse proprie attraverso le alienazioni patrimoniali.
Inoltre il teatro porterà inevitabilmente dei problemi gestionali. Chi lo gestirà infatti? Se lo gestirà il Comune con quali risorse lo farà? Quanto costerà la gestione alle casse comunali? Tutte domande a cui il Sindaco Gori e l'amministrazione comunale non hanno dato risposta.
Sappiamo che strutture come queste sono molto costose e che sempre più spesso sono indebitate e rappresentano dei pozzi senza fondo per le amministrazioni comunali che se le devono prendere in carico. Se questa deve essere l'eredita lasciata da questa amministrazione al futuro di San Mauro allora diciamo no e speriamo che l'amministrazione comunale ci possa ripensare con l'apertura della conferenza con i privati.

IL GRUPPO PDL
Gilberto Montemaggi
Luca Lucarelli
Lorenzo Rinaldi

Aggiungi commento

Regole per aggiungere nuovi commenti:
* i commenti degli utenti registrati (che hanno fatto il login) vengono visualizzati immediatamente;
* i commenti degli utenti non registrati vengono pubblicati dopo essere stati valutati dalla Redazione (la registrazione è gratuita);


Codice di sicurezza
Aggiorna