municipio_con_fontanaÈ stato approvato durante il Consiglio comunale di lunedì 28 marzo il bilancio di previsione 2011. Come avvenuto nel corso degli ultimi anni, “si tratta di un bilancio sofferto, in contrazione a causa delle politiche imposte dal governo centrale, che di fatto annullano l'autonomia decisionale delle amministrazioni locali, rendendo la costruzione del bilancio un puro esercizio di tagli”, così in una nota del comune.

 

Come ha sottolineato l'assessore al bilancio, Manuel Buda, “quest'anno alle difficoltà della crisi economica, ai cambiamenti che riguardano l'ICI, si aggiunge la decisione del governo di effettuare un taglio lineare sui trasferimenti dello Stato”. Un taglio che per il Comune di San Mauro ammonta a 217mila euro: se guardiamo al valore pro-capite si tratta del valore più basso di tutta la provincia. Questa situazione di calo costante, unita ad un'effettiva disparità di trattamento rispetto a Comuni di analoghe dimensioni, causa difficoltà e azzera la possibilità di operare scelte politiche di ampio respiro e di rispondere alle esigenze di sviluppo richieste dal territorio”, prosegue Buda.

La scelta politica forte dell'Amministrazione è dunque quella di non toccare, per quanto possibile, la spesa per i servizi sociali e scolastici, convinta che in questa fase di estrema difficoltà siano i soggetti più deboli che devono essere tutelati: famiglie, anziani, disabili. Salvo qualche piccolo aggiustamento sono stati riconfermati anche quei servizi importanti per la comunità: dal progetto rivolto ai giovani (La Tana), ai progetti rivolti all’handicap, al sostegno delle politiche scolastiche. Si mantengono le collaborazioni con le Associazioni del territorio, come Anteas con il progetto di ambulatorio sociale.

Partirà nel 2011 l'ambizioso progetto di raccolta differenziata stradale, che si inserisce nel contesto dell'impegno di San Mauro sul fronte ambientale. Per quanto riguarda la manutenzione straordinaria del patrimonio stradale il 2011 vedrà la sistemazione di vie extraurbane e la ri-organizzazione di alcune vie urbane. Fondamentale rimane l'ulteriore finanziamento della scuola elementare.

Sul versante cultura, oltre alla riconferma di tutti gli eventi estivi e del cartellone di eventi “Il giardino della poesia”, la novità maggiore si registra sul Museo Casa Pascoli che dal 1° gennaio è passato in gestione totale al Comune di San Mauro con un aggravio di costi che verrà in parte compensato con l'introduzione di un biglietto d'ingresso, che sarà l'occasione per rilanciare progetti che rendano sempre più fruibili gli spazi del Museo e della Torre.

“Con il bilancio 2011 l'Amministrazione opera la scelta di mantenere i livelli acquisiti in termini di welfare e di servizi per i cittadini rispettando il Patto di stabilità e i parametri richiesti ad un Comune virtuoso, quale è quello di San Mauro Pascoli”, ancora la note dell’ente. È chiaro che si tratta di un bilancio “ il cui spirito è una forma di resistenza, - sostiene il Sindaco Miro Gori - per cercare di mantenere una giustizia per i più deboli e la coesione sociale a fronte dei vincoli imposti dal governo centrale. Nonostante si parli di federalismo, ancora ne siamo lontani. Federalismo è prima di tutto autonomia e capacità di scegliere cosa, dove e come spendere, ma non è ciò che sta avvenendo”.