Sanmauropascolinews.it

Sanmauropascolinews.it

Soleggiato

22.22°C

Soleggiato
Umidità: 72%
Vento: NNE a 4.35 K/H
Domenica
Piogge Sparse
14.44°C / 25°C
Lunedì
Temporali sparsi
17.22°C / 23.89°C
Martedì
Temporali
16.11°C / 24.44°C

I.
DialettoSta vòusa in virs s-cét de nòst dialèt
ch'e' studiét un austréach, un profesòur,
régistrénd tót al paróli e ogni rumòur.
a la scrivém pòsta ad arcurdèt...

A n vlém che vaga pirs i nóst palét,

al tradiziòun ch'al s dà e' bón umòur
dal vólti invrucéndsi te dulòur.
parchè s'al s'intinchés al zuga di scarzét.

Isola del dittongo, u l gét che profesòur,

ste pòst duò che la vuchèla la è dòpia
e Sa' Mèvar s' “oi” u s'è fat unòur.

In Rumagna sta lètra ch'la rindòpia,

sla cantiléna che invici l'è un amòur,
e pèr ma quasi tót una ròba strópia.

II.

Santarcanzal e pu Sènta Giustòina,
San Vóid, Sa' Mèvar e pu dòp Savgnén,
Muntién, Belària e Sa' Mèvar a maròina,
la Scurghèda, Vróc e un pó d Lunzèn.

L'è aquè che sòuna schéina o scòina,

scàina, scoéna, diferénzi ch'al s vòid bén,
matèina, matàina, matoéna e matòina,
mó u s vòid ènca ch'al s tróva insén.

Zvanin Pascoli e pu Tóni Guerra

i à pansè e zcòurs in sti dialét
lòu ch'i è faméus in tót la Tera.

E Sa' Mèvar, se da par léu u s mét,

l'à paróli arcórdi snò ’lè cmè ch'agli era.
A dégh faròqual! E pu a stagh zét.

I.
Questa voce in versi genuini del nostro dialetto che studiò un austriaco, un professore, registrando tutte le parola e ogni rumore, la scriviamo per ricordarti... Non vogliamo che vadano persi i nostri punti di riferimento, le tradizioni che ci danno il buon umore a volte aggrovigliandoci nel dolore, perché se s'irrigidiscono giocano brutti scherzi. Isola del dittongo, lo disse quel professore, questo posto dove la vocale è doppia e San Mauro con “oi” s'è fatto onore. In Romagna questa lettera che raddoppia, con la cantilena che invece è dolce, sembra a quasi tutti una cosa storpia.
II.
Santarcangelo poi Santa Giustina, San Vito, San Mauro e dopo Savignano, Montiano, Bellaria e San Mauro al mare, Torriana, Verucchio e un po' di Longiano. E' qui che suona schéina o scòina, scàina, scoéna, differenze che si vedono bene, matèina, matàina, matoéna e matòina, ma si vede anche che si trovano insieme. Giovanni Pascoli poi Tonino Guerra hanno pensato e parlato in questi dialetti, loro che sono famosi in tutta la Terra. E San Mauro, se si mette da solo, ha parole ricordate soltanto lì com'erano. Dico faròqual*! E poi taccio.
Gianfranco Miro Gori


*(pl. faróqual) Piccola spiga di granturco che non è maturata completamente; a San Mauro diede il nome al Vigliòun di (Veglione dei) faróqual.

Pin It